Gli studenti napoletani in rivolta

Riceviamo e pubblichiamo il seguente comunicato del gruppo studentesco Together e il sindacato studentesco Unione Degli Studenti di Napoli in occasione di una loro manifestazione organizzata per lunedì 25 Gennaio.

Ciao a tutte/i
Noi, ragazze/i dell’area vesuviana e della provincia di Napoli ci siamo riuniti confrontandoci sulla modalità di gestione delle questioni scolastiche dal governo, sentendo unanimamente la necessità di organizzare una #mobilitazione.
#Together e UdS Napoli presentano una mobilitazione, prevista per il giorno 25 Gennaio, data in cui era previsto un rientro in presenza che evidentemente ancora non vede tutte le scuole pronte ugualmente.
La nostra richiesta fondamentale è appunto quella di legittimare il ruolo della scuola e degli organi scolastici tutti, affinché ogni scuola venga analizzata singolarmente, perché NON tutte le scuole sono preparate ugualmente e adeguatamente al rientro in presenza.

Questa nostra richiesta verte anche su altre nostre richieste, ad esempio l’esame di Stato! Quando noi studenti saremo al corrente delle modalità??
Inoltre analizziamo e sottolineiamo con la nostra richiesta un’analisi per i trasporti e per gli orari in cui gli Istituti dovranno svolgere le lezioni.
E ancora un altro problema che sottointendiamo con la nostra richiesta è quello dei riscaldamenti , servizi già scadenti pre-covid, che renderanno difficile il benessere degli studenti per le regole covid a cui sarà sottoposta la scuola.
Oltre a ciò sono necessari dei finanziamenti che diano dei risultati tangibili ai problemi di edilizia dei nostri Istituti.
Noi rappresentanti degli studenti saremo presenti il giorno 25 Gennaio in presidio statico alla Regione, rappresentando tutte le nostre istituzioni che per unirsi alla nostra causa, si assenteranno dal seguire la DaD.

A SCUOLA SÌ, MA NON COSÌ!

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.